MEDICI SI AFFIDANO ALLA MADONNA DI FATIMA NELLA LOTTA CONTRO IL CORONAVIRUS

Medici si affidano alla Madonna di Fatima nella lotta contro il Coronavirus

Walter Sánchez Silva

Centinaia di medici, infermieri e personale sanitario dell’area nord di Lima (Perù) si sono affidati alla Madonna di Fatima giorno 13 maggio chiedendo la sua intercessione e il suo aiuto nella lotta contro la pandemia da Coronavirus.

È quanto ha segnalato ad ACI Press il dott. Juan Ortiz Fernández, vicedirettore dell’area Nord di Lima del Ministero della Salute, che gestisce nove distretti di questa parte della capitale peruviana con una popolazione di circa tre milioni di persone.

“Per assistere questa popolazione abbiamo tre ospedali, 108 centri sanitari e circa diecimila lavoratori tra professionisti, tecnici e ausiliari. Oggi, 13 maggio, volevamo fare un atto di ringraziamento e di tributo a Dio, attraverso la celebrazione della festa della Madonna di Fatima“, ha spiegato.

“Ci siamo riuniti per pregare insieme e con la presenza di don Raúl Vera, che ha benedetto questa immagine e tutto il personale sanitario che lavora a domicilio”, ha detto.

Circa 250 operatori sanitari hanno partecipato alla celebrazione, tra questi medici, infermieri, tecnici e autisti che ogni giorno vanno nelle case per la diagnosi e il trattamento dei pazienti affetti da coronavirus.

“Ci hanno accompagnato i dieci commissari di Lima Nord, ai quali prestiamo anche servizio. Loro, allo stesso tempo, ci forniscono la protezione adeguata per proteggere l’integrità di coloro che effettuano queste visite “, ha dichiarato Ortiz ad ACI Prensa

“Ogni giorno vediamo che nella popolazione e negli operatori sanitari c’è molta paura e angoscia per il rischio di contagio. Il lavoro è arduo e rischioso, motivo per il quale ricorriamo all’aiuto divino affinché Dio dia forza ai nostri cuori e attraverso di noi conforti quelle case colpite da questa pandemia “, ha detto.

Per tutto ciò, ha sottolineato il medico, “ci siamo affidati alla Madonna di Fatima e siamo sicuri che con il suo aiuto e intercessione renderemo un buon servizio alle persone malate e bisognose”.

Ortiz, un medico chirurgo che si è laureato più di 25 anni fa, ha anche incoraggiato le persone a “non avere paura perché siamo nelle mani di Dio. Egli non permetterà che ci accada qualcosa che non rientri nel suo piano. Dobbiamo abbandonarci alle sue mani.”

In questo momento di crisi, ha assicurato, “possiamo aiutare coloro che soffrono più di noi e che sono al nostro fianco. Il dolore esiste anche per risvegliare la solidarietà, possiamo sempre condividere con gli altri ciò che abbiamo”.

“Mi considero un cattolico che vuole perseverare ed essere coerente con la sua fede. Appartengo alla Famiglia Sodalit e grazie a questa famiglia spirituale ho incontrato Gesù e sto perseverando in questo cammino”, ha detto il medico ad ACI Prensa.

Non è la prima volta che questi professionisti si riuniscono per pregare. Di solito lo fanno quotidianamente con la preghiera di Padre Nostro all’inizio della giornata.

Un medico, che ha pure lei partecipato alla preghiera di oggi, ha detto che spesso si affida “a Dio quando si alza” e ha affermato che la sua carriera la motiva, “anche se all’inizio avevo sempre un po’di paura. Non lo vivo come un lavoro, mi piace farlo e poter aiutare gli altri. Servire la società, ecco a cosa siamo destinati, al servizio delle persone “.

Il vicedirettore dell’area Nord Lima del Ministero della Salute ha anche detto ad ACI Prensa che don Vera ha benedetto 200 rosari consegnati ai presenti.

I casi di coronavirus in Perù sono già più di 76 mila e ci sono un totale di 2.169 morti. Lima, la capitale, rimane il dipartimento più colpito con 49.605 casi e 791 morti.

Traduzione a cura di Fatima Oggi: Tragedia e Speranza

Fonte: ACI Prensa, 13 Maggio 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Newsletter

Newsletter_left

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Archivi

Post Recente

Coronavirus e Dottrina Sociale della Chiesa

Volentieri riproponiamo questa intervista di Tiziano Fonte al professor Stefano Fontana, direttore dell’Osservatorio cardinale Van Thuân sulla Dottrina sociale della Chiesa, think-tank fondato dall’arcivescovo Giampaolo Crepaldi.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.