Ecco Finalmente Manifestarsi La Vera Autorita’ Morale Di Questo Secolo: Lo Scientismo

Tutto ciò che sta avvenendo intorno alla soluzione della pandemia Covid, soprattutto con le proposte sui vaccini, ha caratteri fusi fra loro che ritengo esser piuttosto originali. Detti caratteri sono quelli di pragmatismo scientifico,ma moralizzante e pertanto fuso con talune pretese di fideismo scientifico. L’apparente risultato generato sembra essere una nuova forma di scientismo, reincarnatosi per risolvere il problema Covid con vaccini da accettare fideisticamente e potrebbe persino proporsi come nuova autorità morale in questo secolo, che chiede un atto di fede verso la vera religione moderna, quella scientifica.. Per scientismo,in tal senso, intendiamo una scienza che vuole e crede di saper risolvere ogni problema, soddisfando tutti i bisogni dell’uomo, anche quelli morali.

Da una parte infatti vediamo uomini di scienza che da più di un anno sembrano affrontare con buona volontà, ma empiricamente, la pandemia e la sua cura, ma talvolta sembrano aver deciso di farlo con una forma di pragmatismo dove il fine concreto deciso esclude altre ipotesi di cura.

Talvolta detto pragmatismo è messo in dubbio da fatti classificati statisticamente, dove l’errore anche fatale, quale la morte imprevista del paziente, diventa marginale, se non irrilevante, statisticamente. Ora questo pragmatismo scientifico sembra chiedere (talvolta con una certa arroganza) una accettazione fideistica, per ragioni anche morali, delle prestazioni medico-scientifiche, anche se ancora non ben sperimentate, che devono esser accettate con devozione e riconoscenza alla scienza medica. Rifiutandole, non solo si rischia di riportare il mondo ai secoli oscuri delle pestilenze manzoniane, ma anche di fare danni economici e morali alla collettività.

In pratica, riflettendo sulle proposte di soluzione del Covid ascoltate in queste ultime settimane, si può arrivare ad avere l’ìmpressione di trovarsi di fronte ad un fenomeno originale: un modello di scienza che vorrebbe moralizzare piuttosto che spiegare e rassicurare, che va pertanto accettato, appunto,con fede.

Ecco questo pragmatismo, che chiamerei scientista e moraleggiante, che va accolto fideisticamente, è la vera novità di questo tempo, scoperto grazie al Covid. Secondo questo modello, o approccio, scientista appare esser proposto anche un nuovo senso del reale che esclude ipotesi teoriche diverse e viene proposto solo da parte di chi è autorizzato a farlo. E non è discutibile, anche se lascia il sospetto che talvolta mortifichi la nostra capacità di capire e convincerci razionalmente, obbligandoci a farlo fideisticamente.E ciò è molto sorprendente, poichè dopo aver sostituito da secoli la ragione alla fede religiosa, curiosamente oggi si direbbe che si stia invitando l’essere umano ad aver fede senza poter ragionare.

Ma una persona al di sopra di ogni sospetto, ci mette un dubbio. Si tratta del filosofo epistemologo agnostico,Karl Popper ( 1902-1994), per intenderci il famosissimo padre della “società aperta”.

Egli vedeva nel dogmatismo dello scientismo i presupposti del totalitarismo. Popper spiegava (ne “La non esistenza del metodo scientifico” -1965) che non c’è un metodo per accertare la verità di una ipotesi scientifica e non c’è un metodo per accertare se una ipotesi è vera o no.

Eppure non mi pare di aver mai assistito a un confronto diretto e publico riferito al Covid o ai vaccini fra scienziati di parere opposto. Lo scientismo non sembra tollerare forme di ecumenismo scientifico?

Fonte: La Verità, 11 Aprile 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Newsletter

Newsletter_left

  • Hidden
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Archivi

Post Recente

Riflessioni sulla pandemia

Intervista a Julio Loredo È vero che “niente sarà più come prima” dopo la pandemia? E che cosa pensare del “nuovo ordine mondiale”? Radici Cristiane

Leggi Tutto »

IN DUBIO PRO DEO

Non conosco l’esatta formulazione dell’ambigua affermazione dell’intervista. Ma l’effetto è fatale. I fedeli cattolici sono irritati, i nemici della Chiesa si sentono confermati dal Vicario

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.